"La Costituzione deve essere considerata, non come una legge morta, deve essere considerata, ed è, come un programma politico.
La Costituzione contiene in sé un programma politico concordato, diventato legge, che è obbligo realizzare".
Piero Calamandrei

mercoledì 24 agosto 2016

Il silenzio dei vescovi italiani davanti allo strapotere mafioso



L’analisi di Rosario Giuè nel suo ultimo libro appare lucida e spietata. Nessuno sconto alla storia e al comportamento dei vescovi italiani nei confronti delle mafie. In “vescovi e potere mafioso”, si evidenzia la scarsa attenzione manifestata dalla conferenza episcopale italiana nei confronti del fenomeno mafioso, a differenza della forza e dell’intensità programmatica e mediatica, usata nei confronti di altre questioni che hanno coinvolto la società italiana. Dalla legge sull’aborto, al referendum sulla procreazione assistita fino a giungere negli ultimi tempi, a un tentativo di influenza improprio nel dibattito sulle unioni civili, piuttosto che sulla strumentazione “gender”.
L’autore, ex sacerdote, sembra parlare più da cristiano deluso e speranzoso che da persona che conosce bene l’ambiente ecclesiastico. Del resto, lo stesso, nel corso dei suoi anni da parroco a Brancaccio non ha certo fatto mancare la sua forza e le sue idee per una ricristianizzazione del territorio in cui operava, e anche dopo ha sempre cercato di far valere il suo contributo in diversi modi. Anche nei suoi ultimi libri, (qui per esempio), ha affrontato con schiettezza il comportamento della chiesa, fornendo esempi e progetti possibili per una liberazione dalle mafie.
Leggendo il libro di Giuè, emerge un’incredibile distanza dell’episcopato nazionale dal tema delle mafie. A differenza delle singole diocesi che, soprattutto negli ultimi tempi hanno prestato più attenzione. Nessun j’accuse ma un’attenta analisi che se non chiede delle risposte, sicuramente auspica una maggiore attenzione di fronte ai poteri maligni che operano nella società. E le mafie, sotto ogni sfaccettatura, sono le prime tra queste. Nemmeno durante le stragi di Capaci e Via d’Amelio i vescovi citano quei terribili avvenimenti. E quando parlano delle organizzazioni criminali lo fanno sempre in modo assai generico. Lo fanno però, nei documenti dopo il ritrovamento del corpo di Aldo Moro e dopo il terribile incidente ferroviario di Crevalcore nel 2005.
Francesco ha scelto l’ultimo segretario della CEI da una chiesa di periferia della Calabria. La stessa dov’era vescovo e dove il pontefice venuto dalla fine del mondo ha pronunciato la famosa scomunica ai mafiosi. E tutto questo fa ben sperare, nella consapevolezza di quanto si potrebbe fare, consapevoli di sapere che il tempo delle denunzie è passato, quello del vero contrasto deve ancora arrivare.
Rosario Giuè, Vescovi e potere mafioso , Cittadella editrice, pagg. 186 qui per acquistare il libro

mercoledì 10 agosto 2016

Toh, una libreria tra i vicoli di Palermo


Siamo in pieno centro storico a Palermo, giri l’angolo, proprio dietro via Roma, ed ecco un libreria. Più di 40.000 volumi e tra questi si trova davvero di tutto. Non mancano i pezzi rari e perfino gli elenchi telefonici.
L’inventore si chiama Pietro Tramonte, ragioniere in pensione, e la sua libreria itinerante si trova in piazza Monte di Santa Rosalia 18. E’ tutto davvero singolare, quasi magico.
Un posto dove il prezzo spesso lo fa il lettore, dove è stato ripristinato il baratto, dove i libri si regalano in cambio di un like sulla pagina facebook (qui) o si offrono gratuitamente in lettura

La libreria itinerante la trovate a Palermo in Piazza Monte S.Rosalia, 18/19 (angolo Via Gagini, 64qui su Facebook, ovviamente